Leggere è una abilità antichissima del genere umano, che si è andata perfezionando nel corso dei secoli e che oggi è sottoposta a profonde mutazioni.
Questo libro ripercorre le origini e gli sviluppi dell’arte della lettura, ne motiva la necessità e ne riassume gli scopi, esamina i più vistosi sintomi di crisi che attualmente manifesta e accenna ai modi possibili di porvi rimedio.
Una particolare attenzione è riservata alla lettura dei testi narrativi, alle forme in cui si esplica, alle competenze da essa richieste e alle facoltà che essa interpella, ai piaceri che procura ma anche alle insidie che nasconde.

Ferdinando Pappalardo ha insegnato Teoria e storia dei generi letterari e Letteratura italiana presso l’Università degli studi di Bari Aldo Moro. Si è occupato prevalentemente di teoria della letteratura, di poesia italiana del Due e del Novecento, di narrativa contemporanea, di storia delle istituzioni culturali e formative nell’Italia postunitaria. Ha pubblicato per Progedit “Genericità”. Il discorso sui generi letterari nella cultura europea (Bari 2013) e L come letteratura (Bari 2016).

Categorie: Libro