fbpx

Il mito della volontà popolare

di Albert Weale

Traduttore: Alessia Cantagalli
Editore: Luiss University Press
Collana: I capitelli
Anno edizione: 2020
In commercio dal: 23 gennaio 2020
Pagine: 123 p., Brossura
EAN: 9788861054592

Assistiamo in tutta Europa all’ascesa di movimenti populisti, di destra e di sinistra, diversi tra loro ma accumunati dalla rivendicazione di un ruolo, quello di veri portavoce della volontà del popolo, e dall’attribuire alle élite, colpevoli di essersi appropriate della democrazia rappresentativa, l’origine di ogni male. Osservando con attenzione i miti democratici spesso evocati dai populisti, come il modello dell’antica Atene o la volontà generale di Rousseau, e analizzando i vari sistemi di formazione della maggioranza, il funzionamento dei suoi cicli e le problematiche insite nello strumento favorito dai populisti, il referendum, Albert Weale dimostra che quello della volontà popolare è, a tutti gli effetti, soltanto un mito. Non si può raggiungere alcun obiettivo democratico facendo finta che le cose siano più semplici di quello che sono o sostenendo che esista una volontà del popolo univoca. Il pluralismo è il cuore pulsante della democrazia ed esercitare responsabilmente il potere significa pensare con molta attenzione alle conseguenze delle scelte politiche e affrontare con onestà le obiezioni. Prefazione di Richard Bellamy. Con un saggio di Valentina Gentile.