fbpx

Un mondo estinto. La comunità ebraica di Brody e il suo destino (1941-1945)

di Antonella Tiburzi

Editore: Ombre Corte
Collana: Documenta
Anno edizione: 2020
In commercio dal: 23 gennaio 2020
Pagine: 158 p., Brossura
EAN: 9788869481468

Tra i sei milioni di ebrei assassinati ci sono anche i nove mila abitanti della importante e. antica comunità di Brody, che tra il 1941 e il 1944 furono quasi totalmente annientati nelle strade della loro città, e poi nel ghetto, nelle loro abitazioni, nelle loro scuole, nelle sedi delle loro associazioni giovanili, nei campi di lavoro forzato e nei campi di sterminio dí Beliec e Majdanek. Ciò fu possibile anche grazie al fondamentale collaborazionismo degli ultranazionalisti ucraini, animati da un antico e radicato antisemitismo. Nelle ultime settimane di guerra, i superstiti ebrei organizzarono una resistenza all’interno del ghetto volta ad accelerare la ritirata dell’occupante nazista, ma le Einsatzkommando delle SS risposero compiendo uno dei più grandi massacri della storia della Shoah, che non risparmiò nemmeno i ragazzi e le ragazze che si erano nascosti nei rifugi. I pochi superstiti di Brody lasciarono l’Europa orientale perché ancora nuovamente vittime dell’antisemitismo del secondo dopoguerra. Tra Israele e gli Stati Uniti costituirono il gruppo degli “Ex residenti di Brody” e diedero vita al progetto “Yitkor Sefer shel Brod” (“Il libro della memoria di Brody”), un testo indispensabile non solo per ricostruire i fatti avvenuti tra il settembre 1941 e il luglio 1944, ma anche per cogliere il profondo legame dei sopravvissuti con la loro comunità. Ripercorrendo minuziosamente le operazioni che portarono alla distruzione della comunità, l’originale lavoro di Antonella Tiburzi descrive la pianificata ferocia dei nazisti e dei loro complici ucraini, facendo contemporaneamente emergere il mondo culturale e intellettuale di quella humanitas che si è estinta con la Shoah. Prefazione di Carlo Saletti.