“Il Mezzogiorno d’Italia fra unificazione nazionale e brigantaggio” di Paolo Franzese

Lo scorso 16 marzo Stroncature e Storia della Campania hanno ospitato la presentazione dell’ultimo libro di Paolo Franzese “Il mezzogiorno d’Italia fra unificazione nazionale e brigantaggio” (Rubbettino, 2021). Con l’autore dialoga Francesco Barra e Carmine Pinto, modera Silvia Sonetti.

Nell’estate del 1862 il giovane Stato italiano si trova ad affrontare contemporaneamente la nuova offensiva, politico-criminale, del “brigantaggio” e il tentativo di Garibaldi di liberare Roma dal dominio pontificio, poi conclusosi con il tragico scontro in Aspromonte con le truppe italiane. Le relazioni dei prefetti di Terra di Lavoro e di Principato Ultra di agosto/settembre di quell’anno sottolineano la gravità della situazione. Entrambi i problemi risultano connessi alla “questione romana”, l’esigenza cioè di riunire all’Italia quanto resta del dominio temporale del papa e soprattutto la città di Roma, da dove partono le direttive e il sostegno di Francesco II di Borbone alle attività delle bande. Un particolare rilievo è dato ai legami fra queste emergenze e la tutela assicurata a Pio IX da Napoleone III, che impedisce la soluzione della questione, e all’ambivalente atteggiamento dell’opinione pubblica verso Garibaldi, considerato allo stesso tempo vero interprete degli ideali della patria e promotore di un’impresa che potrebbe provocare una guerra civile e l’intervento della Francia, mettendo così a rischio l’unità nazionale appena raggiunta.


Paolo Franzese, già dirigente archivista del Ministero per i beni e le attività culturali, ha diretto gli Archivi di Stato di Perugia e di Napoli e le Soprintendenze archivistiche e bibliografiche delle regioni Piemonte-Valle d’Aosta e Campania. Ha curato il riordinamento di numerosi archivi storici, dei quali ha spesso pubblicato gli inventari.

X