La paradossale scomparsa dello spazio pubblico

La Rete è il luogo più aperto e accessibile al mondo, promessa di libertà, di praterie aperte e di assenza di barriere. Ma da un po’ di tempo a me, che pure sono un entusiasta digitale, sta venendo un dubbio. Ma non è che il modo in cui Internet è cambiato negli ultimi dieci anni sta conducendo alla scomparsa dello spazio pubblico? Non si sta tutto trasformando in un immenso centro commerciale, dove la percezione stessa della realtà viene plasmata dalla grande macchina del marketing digitale? Se essere su Internet significa essere all’interno di aziende private che legittimamente fanno il loro lavoro, dov’è lo spazio pubblico?

X