Max Weber e la morte del capitalismo cinese

“L’impresa capitalistica moderna – scrive Max Weber in Economia e società – si fonda soprattutto sul calcolo. Essa richiede per la propria esistenza una giustizia e un’amministrazione, il cui funzionamento possa almeno in linea di principio venire calcolato razionalmente in base a norme generali nello stesso modo in cui si calcola la prestazione prevedibile di una macchina”. La riflessione è importante e va sottolineata perché vuol dire una cosa ben precisa e cioè che non vi può essere sviluppo capitalistico, e quindi crescita economica auto propulsiva, là dove non vi è una amministrazione pubblica, un sistema normativo e un sistema giudiziario gestiti in maniera razionale e prevedibile.

spot_img
X