L’autodistruzione dell’Occidente

Il prossimo 21 aprile Stroncature ospita la presentazione del volume “L’autodistruzione dell’Occidente” di Eugenio Capozzi. Con l’autore dialogano Lorenzo Castellani e Marco Bassani. Per partecipare è necessario registrarsi.

L' autodistruzione dell'Occidente. Dall'umanesimo cristiano alla dittatura del relativismo - Eugenio Capozzi - copertina

Il “nuovo umanesimo” invocato sempre più spesso da molti esponenti delle élites politiche e culturali occidentali tradisce in realtà non la ripresa ma piuttosto il rifiuto di quella concezione dell’uomo come animale razionale e libero che sta alla base dei diritti individuali, del liberalismo, della democrazia, e che è stata costruita nell’incontro tra cultura greca, romana, ebraica, celtico-germanica e attraverso la rivoluzione cristiana e la modernità. Il culto della potenza, lo scientismo e le ideologie hanno corroso l’umanesimo occidentale fino a dissolverlo in un relativismo radicale, transumano e postumano. Un relativismo che lascia il mondo globalizzato privo di un tessuto etico-politico comune, e che può essere combattuto soltanto da una consapevole riconnessione della civiltà occidentale alle proprie radici.

X