“L’impresa enciclopedia” di Gianfranco Dioguardi

    0
    7

     

    Il prossimo 28 giugno alle ore 16:00 Stroncature ospita una nuova puntata della rubrica “Viaggi dell’Innovazione” diretta da Roberto Panzarani. La puntata è dedicata alla presentazione del volume “L’impresa enciclopedia Organizzazione come strategia per il Terzo Millennio” di Gianfranco Dioguardi (Guerini Next, 2022). Con l’autore dialogano Roberto Panzarani e Federico Butera. Per partecipare è necessario registrarsi.


    L’imprevedibile e turbolenta complessità del Terzo Millennio ha capovolto la tradizionale dinamica strategica dell’impresa, per la quale «structure follows strategy». Non è più possibile impostare, prima, una strategia imprenditoriale definita e su quella costruire, poi, una struttura imprenditoriale in grado di portarla avanti. Si tratta di un cambiamento epocale, che rende necessario realizzare strutture organizzative «just in time» e quindi attuare conseguenti strategie operative che tengano sempre conto delle esigenze emergenti di sostenibilità e resilienza.
    Per questo è indispensabile puntare sulla ricerca, da rendere priorità per le organizzazioni complesse (istituzioni, imprese città) valorizzando soprattutto i giovani, vettori di cambiamento. I principali protagonisti di Terzo Millennio dovranno necessariamente riscoprire valori fondamentali – fra i quali un nuovo modo di acquisire cultura – oggi assopiti se non annullati.
    Attraverso l’analisi di vari scenari economici, Gianfranco Dioguardi corona con questo libro il lavoro di una vita tratteggiando dialetticamente l’ipotesi di una nuova «impresa enciclopedia» che possa caratterizzare anche una «città impresa» adeguata alle esigenze del Terzo Millennio.

    Gianfranco Dioguardi
    , ingegnere e professore di Economia e organizzazione aziendale presso il Politecnico di Bari, è considerato il fondatore dell’ingegneria gestionale in Italia. Svolge attività imprenditoriale e consulenziale nei settori dell’edilizia, dell’engineering, dell’innovazione tecnologica, della comunicazione e della formazione professionale. È inoltre presente in diversi consigli di amministrazione, riviste, organizzazioni culturali, istituzioni pubbliche e private. Nel 1989 gli è stata conferita la nomina, da parte del Presidente della Repubblica Italiana, di Cavaliere al merito del Lavoro; nel 2004 è stato nominato Cavaliere della Legion d’Onore con decreto del Presidente della Repubblica di Francia. Le sue numerose pubblicazioni spaziano dall’organizzazione aziendale all’urbanistica, dalla storia della scienza al sapere umanistico. In essa occupano un posto di rilievo i volumi dedicati all’Illuminismo e le riflessioni sul recupero delle periferie urbane. Ha ideato il modello della «city school» per il governo delle città.

    Federico Butera, studioso e progettista di organizzazioni complesse. Professore emerito di Scienze dell’ Organizzazione, già Ordinario all’Università di Milano Bicocca e Università di Roma Sapienza. Visiting Scholar Sloan School del MIT. Dal 1974 fondatore e Presidente dell’ Istituto di Ricerca Intervento sui Sistemi Organizzativi, oggi Fondazione Irso. Dal 1999 Direttore della rivista Studi
    Organizzativi. Ha guidato un gran numero di progetti innovativi di organization and job design in imprese e Pubbliche Amministrazioni , fra cui le “isole” della Olivetti, il Nuovo Treno Medio della Dalmine, l’unificazione degli Uffici delle Entrate, il customer care della Vodafone, l’organizzazione del tribunale e della procura di Monza. Ha pubblicato oltre 250 articoli e 37 libri in
    Italia e all’estero, fra cui I frantumi ricomposti, Marsilio 1970; Organizzazione e società. Innovare le organizzazioni dell’Italia che vogliamo, Marsilio, 2020; (con Patrizio Bianchi, Giorgio de Michelis, Paolo Perulli, Francesco Seghezzi, Gianluca Scarano ) Coesione e innovazione. Il patto per il lavoro dell’Emilia Romagna, Il Mulino 2020 https://it.wikipedia.org/wiki/Federico_Butera

    Acquista il libro