La fine della libertà dei moderni(4)

Dunque, come fare per tenere i vantaggi del mercato, straordinaria macchina che produce ricchezza, ed evitare che questo produca quella questione sociale che corrompe la democrazia e lo stato di diritto liberale?

La soluzione è quella di costruire una macchina, attraverso la costituzionalizzazione dei diritti sociali, con la quale risollevare la plebe e restituirle il rango di popolo, una macchina che risollevi alla dignità di cittadino, colui che le forze del mercato avevano ridotto a servo. Una macchina, in altre parole, che fornisca ai più quegli elementi (libertà dal bisogno e dalla paura della fame) necessari perché la società aperta possa prosperare: quella macchina è lo stato sociale, senza il quale una società aperta non può perdurare. Ed è per questo che non si può che essere d’accordo con Ralf Dahrendorf quando ha riconosciuto nell’invenzione dello Stato sociale la più grande e benefica rivoluzione culturale dell’intera storia dell’umanità.

X