Tutta una questione di percezioni

In questi giorni si ha la sensazione che il mondo sia in attesa di capire cosa farà la Cina, se cioè si schiererà dalla parte dell’Occidente e contribuirà a fermare la guerra in Ucraina, oppure unirà le proprie forze con quelle del capo del Cremlino per lanciare una sfida esistenziale al mondo liberale a guida americana. Chi scrive, in tutta franchezza, non ritiene che da questa scelta dipendano i destini del mondo. Le forze armate cinesi potrebbero essere al pari di quelle russe e l’economia cinese, potrebbe subire duri colpi se i legami con l’Occidente venissero recisi in un sol colpo come accaduto nel caso russo.

Continua a leggere

spot_img
X