Il «lodo Moro» di Valentine Lomellini

    0
    23

    Il prossimo 25 maggio alle ore 18:00, Stroncature ospita la presentazione di “Il «lodo Moro». Terrorismo e ragion di Stato 1969-1986” di Valentine Lomellini (Editori Laterza, 2022). Con l’autrice dialogano Paolo Pombeni e Luca Riccardi. Per partecipare è necessario registrarsi.


    Il «lodo Moro». Terrorismo e ragion di Stato 1969-1986 - Valentine Lomellini - copertina

    Dalla “prigione del popolo’ dove era stato rinchiuso dalle Brigate rosse nel 1978, Aldo Moro chiedeva di trattare per la sua liberazione, svelando che questa era una prassi abituale per i terroristi palestinesi arrestati in Italia. Da allora, per «lodo Moro» si intende l’accordo che consentiva ai palestinesi di utilizzare il territorio italiano come base per armi e guerriglieri in cambio della garanzia di preservare la penisola dagli attentati. Il «lodo» non fu certo solo riferibile alla figura di Moro: esso coinvolse i principali esponenti della DC e del PSI (da Rumor a Taviani, da Andreotti a Craxi), alcuni magistrati e persino la Presidenza della Repubblica. Ma il «lodo» quale sicurezza garantiva? Quella legata all’incolumità dei cittadini dagli attentati o quella dello Stato, assicurando approvvigionamenti energetici in tempo di shock petrolifero e stabilità sul fronte sud del Mediterraneo? La classe dirigente italiana si trovò a fare i conti con questo dilemma in una delle fasi più difficili della storia repubblicana. Lungi dall’essere una vicenda riservata ai servizi segreti, il «lodo» fu una politica dello Stato italiano. Ed è con questo fatto storico che il nostro Paese deve fare i conti.

    Acquista il libro