“Odio social” di Sara Monaci

    0
    12

    Il prossimo 28 giugno alle ore 18:00, Stroncature ospita la presentazione di “Odio Social” di Sara Monaci (Egea, 2022). Con l’autrice dialogano Roberta Ricucci e Nunzio Mastrolia. Per partecipare è necessario registrarsi.


    Odio social. Tecnologie e narrative della comunicazione in rete - Sara Monaci - copertina

    L’odio social descrive l’estensione del fenomeno e la sua normalizzazione a registro comunicativo, a storytelling diffuso non solo in rete, ma anche nelle differenti forme della socialità contemporanea. Agli odi storici che colpiscono le minoranze, le ideologie e le confessioni altre, e che spesso si trasformano in estremismi violenti, oggi si aggiungono derive sfuggenti e meno identificabili secondo i criteri dell’ideologia politica o delle discriminazioni religiose: teorie cospirative, infodemie e pandemie della menzogna. Ma come può l’odio essere social? Il titolo evidenzia sicuramente un ossimoro, eppure in rete esso è spesso opportunità e innesco per molteplici forme di narrative producenti e di attivismo civico. I social – e Twitter in particolare – sono sempre più piattaforme dell’empatia che moltiplicano l’odio sociale e allo stesso tempo ne rendono visibili i limiti, provocando le opinioni e le reazioni in una sfera pubblica quanto mai contesa. Il libro riflette sulle tendenze in atto, con l’obiettivo di comprendere il ruolo delle tecnologie nelle trasformazioni e nel trasformismo dell’odio in rete. Il saggio vuole inoltre delineare, attraverso la proposta di alcuni casi di studio, una metodologia di analisi della comunicazione in rete e un approccio alla progettazione di contenuti in grado di abilitare nuove e più efficaci forme di narrazioni inclusive.

    Acquista il libro